Murray, Vinnie, Speed, Roy e Oscar stanno giocando a poker a casa di quest’ultimo, come tutti i venerdì. Il loro amico cagacazzi, Felix, è in ritardo senza aver avvisato. Questo non è da lui e gli amici iniziano a preoccuparsi; Oscar decide quindi di chiamare la moglie di Felix. La donna gli risponde che il marito è andato a suicidarsi, come annunciato in un telegramma.

Mentre il gruppo pensa al da farsi, suona il campanello: è Felix. È stato cacciato di casa dalla moglie, che gli ha chiesto il divorzio, e ha iniziato a girovagare per la città con l’intento di suicidarsi, senza riuscire a trovare un buon modo per farlo. Felix è disperato perché perderà la casa e daranno la custodia del suo amato figlio disabile alla moglie, a cui dovrà anche pagare gli alimenti. Come farà, con il suo stipendiuccio da insegnante di chimica al liceo, a mantenere la famiglia e trovarsi un’altra casa? Gli amici cercano di tirargli su il morale e Oscar gli offre ospitalità. Felix si ferma per la notte.

Il giorno dopo Felix, meno depresso e più pragmatico, pensa a come fare un po’ di soldi. Nemmeno Oscar naviga nell’oro, con un’ex moglie da mantenere e un’odio atavico per la parsimonia. I due iniziano a pensare a dei sistemi per fare un po’ di grana. Dopo varie proposte che non convincono Felix, Oscar ne spara una grossa: dato che Felix è un geniaccio della chimica, perché non si mette a cucinare metanfetamine? Da un po’ di tempo Oscar freqenta due sorelle del piano di sopra, Gwen e Cecilia. Le due spacciano meth, ma la roba che vendono è di scarsa qualità, tagliata con la peggio merda. Con un piccolo laboratorio artigianale e le competenze di Felix, potrebbero creare una società dove lui cucina, Oscar tiene i conti e le ragazze spacciano. Felix sconvolto dall’assurdità della proposta, esce sbattendo la porta.

Dopo una passeggiata riflessiva, Felix torna da Oscar dicendo che accetta, ma solo  a patto di smettere una volta raggiunti i 500.000 dollari. Oscar ci sta. I due, comprata l’attrezzatura, allestiscono un piccolo laboratorio in una stanza a casa di Oscar. Il primo esperimento crea delle tensioni; Felix è eccessivamente perfezionista e Oscar come assistente fa schifo. Il risultato è comunque molto meglio della merda che spacciano Gwen e Cecilia; quando le sorelle assaggiano il prodotto, capiscono che in giro non c’è niente di meglio. Oscar e Felix cucinano qualche altra mandata e sono pronti per entrare in gioco. Per non far incazzare il loro fornitore abituale, Cecilia e Gwen continuano anche a spacciare la sua meth, ma quando inizia a circolare quella di Felix, nessuno vuole più la robaccia.

In breve tempo, la meth supersonica di Felix si diffonde in tutta la città. Cecilia e Gwen sono un po’ preoccupate, hanno paura di pestare i piedi a qualcuno di grosso, ma continuano a vendere la roba di Felix perché stanno entrando molti più soldi del previsto. Poi Cecilia viene arrestata e Oscar e Felix temono che possa fare i loro nomi. Chiedono allora a Murray, il loro amico avvocato trafficone, di trovare un modo per far uscire Cecilia il prima possibile. Murray riesce, con un magheggio legale, a farla scarcerare, ma vuole che i due amici gli raccontino in che casini si sono ficcati e, quando lo fanno, pensa che siano rincoglioniti. Murray racconta loro di come il giro della meth in città sia controllato da un tizio che nessuno vorrebbe come nemico e se continuano così, finiranno male. Parla di gente sbudellata, avvelenata, cravatte colombiane, famiglie sterminate, solletico sotto i piedi… Oscar e Felix, ufficialmente terrorizzati, decidono di cucinare un’ultima volta, per poi ritirarsi dal mercato.

Vinnie, un altro amico del poker, ignaro della droga, pensa che Felix abbia ancora problemi economici e gli dice che nel fast food dove lui lavora stanno cercando un cameriere per la sera e lui può metterci una buona parola. Felix, ormai abbandonata l’illegalità, accetta il posto di cameriere per avere un’entrata in più.

L’opera finisce come era iniziata: gli amici che giocano a poker, senza Felix. Ma stavolta non è andato a suicidarsi, è semplicemente a servire pollo fritto tra i tavoli del Los pollos hermanos.

La strana coppia di Neil Simon /// Breaking bad ideata da Vince Gilligan

Beatrice Gambogi

Attrice, scrittrice, modella, cantante, presentatrice, insegnante, fotografa, blogger, influencer, performer, minipimer… in cerca di un lavoro serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *