Esposto al festival dei migliori giovani fotografi europei Circulation(s) di Parigi, il progetto Oxymoron esplora le contraddizioni della città greca con una serie di scatti in bianco e nero dall’atmosfera surrealista.

Ogni persona porta dentro di sé una città interiore, alcuni la nascondono, altri la domano e vivono con questa seconda pelle. Errando e osservando la sua città natale, Kostis Argyriadis cerca di far emergere le contraddizioni del quotidiano: la bellezza, l’oscenità, la calma, l’energia, il materialismo e la vanità. Selezionato dal direttore del museo della fotografia di Salonicco Hercules Papaioannou, il progetto Oxymoron è una delle rivelazioni del festival Circulation(s) di Parigi, che espone al centro culturale 104 il meglio della giovane fotografia europea.

Una selezione dei migliori scatti di Oxymoron resterà esposta al Festival Circulation(s) fino al 5 marzo.

“È qualcosa di strano, una sorta di addizione” 

Nato a Salonicco nel 1981, Kostis ha frequentato la scuola di fotografia ESP e i seminari di Stratos Kalafatisi allo STUDIOTESSERA. Nel 2014 la casa editrice Agra pubblica la sua prima opera personale, curata dallo stesso Kalafatisi. Nel frattempo comincia a lavorare a Oxymoron, il suo ultimo progetto, che definisce come “una storia che non ha fine, perché tutto mi sembra un ossimoro”, in cui esprime la prorpia visione della fotografia incentrata sulla trivialità dei modelli urbani. Vagando per le strade di Salonicco, osserva e raccoglie scene di banale vita quotidiana attraverso le quali dà un senso, scatto dopo scatto, al proprio percorso personale, in una sorta di autoritratto dei sentimenti. “È qualcosa di strano, una sorta di addizione, è allo stesso tempo piacevole e deprimente. Salonicco è la mia città, quindi è soprattuto una storia di una relazione di amore e odio”, dichiara quando gli chiedo di descrivere l’esperienza artistica di Oxymoron

Le sue opere sono esposte al museo municipale e all’Università di Scienze Politiche di Salonicco e in parte visionabili sul suo sito kostisargyriadis.com.

Con la sua Fujifilm X10 racconta il quotidiano di una città trasformata e in continua trasformazione, aspettiamo di vedere il seguito di questa splendida serie fotografica.

 


Il centro culturale 104

Situato nel 19esimo arrondissement parigino, il CENTQUATRE (104) è uno spazio di residenza, di produzione e di diffusione per il pubblico e gli artisti di tutto il mondo. Pensato dal suo direttore José-Manuel Gonçalvès come una piattaforma artistica collaborativa, dà accesso all’insieme delle arti attuali grazie a una programmazione popolare, contemporanea ed esigente. Luogo di vita atipico, offre degli spazi alle pratiche artistiche libere e all’attività per bambini. Accoglie anche diverse start-up.

Alessandro Xenos

Giornalista e fondatore de L'Irrequieto, nato a Firenze nel 1986. Dal 2010 vive in Francia, dove ha conseguito un master in Scienze Politiche e Giornalismo. Attualmente lavora per l'emittente televisiva internazionale France 24. Su L'Irrequieto ha pubblicato articoli, editoriali, racconti e poesie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *