Fotografi

Emiliano Cribari è un fotogiornalista fiorentino che lavora soprattutto in àmbito sociale ma che opera anche in altri contesti: dalla fotografia di interni a quella industriale fino alla fotografia di eventi. Nel 2014 è chiamato a raccontare il “Forum Mondiale UNESCO sulla Cultura e le Industrie Culturali” e gli “Stati Generali della Lingua Italiana nel Mondo”, nonché (come negli anni a seguire) il “Festival delle Religioni”. Ha fotografo allestimenti e mo- stre relativi a opere di Salvador Dalì, Antony Gormley, Jeff Koons, Pontormo, Bronzino, Jan Fabre e John Currin. Alcuni suoi reportage di stampo fotogiornalistico sono stati pubblicati sul prestigioso magazine LensCulture. Fra i suoi principali clienti figurano Chicco, MTV, Sotheby’s International Realty. È infine mem- bro di alcune fra le principali associazioni fotografiche internazionali come Wedding Photojournalist Association, Wedding Photography Select, Fearless Photo- graphers e Best of Wedding Photography.

Ilaria Cerutti fotografa per passione dal 2013. Non si ritiene un fotografo, né un’artista. È una persona che ama la fotografia e che ci si dedica nel modo più istintivo, libero e incondizionato possibile. La parola fotografia per lei va solo e sempre a braccetto con la parola libertà.

Roberto Pireddu è nato a Cagliari il 5 ottobre 1984. Fotografo di reportage e fotografia documentaria. Nel marzo 2014 lascia la Sardegna per trasferirsi a Bologna. Questo cambiamento gli permette di avvertire ancora più chiaramente il fascino della sua isola: le sue unicità, le sue forze e, ahimè, le sue debolezze, e da osservatore esterno vuole utilizzare la fotografia per raccontarla dal suo interno.
Nel 2015, tra gli altri riconoscimenti, vince il 1° posto nella categoria “Books – Non Professional” ed è nominato come uno dei 13 fotografi finalisti per il “Discovery of the Year Award” agli “IPA – International Photography Awards 2015” con “ma|re”, serie dedicata al Poetto, la spiaggia cittadina di Cagliari.

Bartolomeo Pampaloni ricerca da anni nel territorio delle immagini. Fotografo e regista di cortometraggi e documentari, ha lavorato nel campo del cinema e del teatro come video-assist e come assistente alla regia. Nato a Firenze nel 1982 si laurea in Filosofia con una tesi in Estetica sulle origini della Filosofia occidentale ed i suoi legami con la mitologia e i culti arcaici. Si forma come regista a Parigi, dove realizza i suoi primi cortometraggi e lavora su diversi set come videoassist. Rientrato in Italia, frequenta il corso di Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e lavora come assistente di Paolo Virzì nello spettacolo ‘Se non ci sono altre domande’. Attualmente vive tra l’Italia e Parigi, dove ha montato il suo primo lungometraggio documentario, Roma Termini, menzione speciale della giuria al Festival del Cinema di Roma 2014 e selezionato al Raindance Film Festival 2015.

Camille Gandon è nata nel 1992. È appassionata di fotografia e lavora come medico specializzato nella diagnostica per immagini, in Bretagna.

 

Inês Loura: lascia la sua Lisbona natale a 17 anni per studiare Cinema a Parigi. Ha fatto teatro nella compagnia inglese Lisbon Players e ha studiato musica per sette anni. Ha realizzato diversi cortometraggi e partecipato a diversi progetti cinematografici come montatrice e operatrice di ripresa. Il suo ultimo cotrometraggio Fantasie, che ha scritto e realizzato, è attualmente in post-produzione. Adora i donuts!

 

Filippo Menichetti nasce a Firenze nel 1986. Nel 2009, dopo la laurea in Psicologia presso “La Sapienza” di Roma, decide di dedicarsi completamente alla fotografia. Dopo un anno in viaggio fra Stati Uniti, Europa e Asia frequenta un master in reportage e fotogiornalismo alla Scuola Romana di Fotografia. Qui si avvicina alla fotografia in grande formato con un progetto sul paesaggio urbano (“Ostia Lido”, 2010), orientando il suo sguardo verso le interazioni fra uomo ed ambiente. Ha collaborato con il fotografo documentarista Giuseppe Moccia alla realizzazione di “A Third Landscape?”, una ricerca sull’abbandono delle infrastrutture sciistiche in Italia settentrionale. Nel 2012 fonda il collettivo PanAut con altri autori della Danish School of Media and Journalism, dove si diploma con il progetto “What Remains – meditations on a landscape”, realizzato sulla Costa Ovest della Danimarca. A fine 2013 si trasferisce a Napoli, dove al momento vive e lavora.

 ……
Francesco Faraci Palermo, 1983. Si occupa di fotografia documentaria e reportage sociale nella sua terra, la Sicilia, che ritrae quotidianamente nei suoi molteplici e contraddittori aspetti con un occhio particolare alle periferie marginali e disagiate, e alle minoranze di tutto il Sud e del Mediterraneo. I suoi reportage sono stati pubblicati su riviste nazionali ed estere. Nel 2014 ha vinto il primo premio al festival “NuoveImpressioni – impressioni di strada” con un reportage dal titolo “Cupe vampe” ed entra a far parte dell’agenzia fotografica Controluce e di Magma, un collettivo di tre fotografi impegnati a incentivare e divulgare il concetto di fotografia come prezioso elemento di cultura contemporanea attraverso iniziative di vario genere. Attualmente è collaboratore del gruppo L’Espresso, dei mensili ComboniFem ed Erodoto108.
 ……..
Luca Cini: è nato a Firenze nel 1960. Vive e lavora a Firenze. Ha esposto le proprie opere in mostre personali e collettive, Italia e all’estero. Ha collaborato con la Asl Toscana e Cesvot Toscana alla pubblicazione di tre libri con le proprie foto (“Appunti di viaggio” , “Cerchi narranti” , “Prendersi cura della stomia”). Ha pubblicato la raccolta di fotografie e racconti “Silenziosamente” con Edizioni della Meridiana.
 ……….
Elise Reinke: è nata a Burbank, California il 19 Settembre 1986. È una fotografa, laureata in fotografia pressola California State University di Los Angeles. Nell’estate del 2006 ha studiato a “The Darkroom-IstitutoInternazionale di Fotografia” di Firenze. Dopo tanti viaggi tra Los Angeles e Firenze, si è trasferita Londra, dove vive attualmente.
 ……….

Charlotte Audureau: nata nell’Isola della Riunione si trasferisce a Parigi per studiare Cinema. Giovane regi­sta, fotografa e montatrice, si specializza nella danza e nel documentario. Ha realizzato svariati clip musicali ed ha curato il montaggio di L’oeil dans la cave di J.B.Thomasson e di Toi, Idem di Laura Berson. La foto­grafia di danza e la cattura dei movimenti diventano elementi chiave delle sue creazioni. Nel 2013 realizza un corto Sur les points de l’indifférence, film sulla libertà, sulla danza.

Léo Bigiaoui: giovane fotografo e regista basato a Parigi. Ha realizzato svariati clip musicali, cortometraggi e documentari, tra cui L’eau ne tombe pas du ciel girato in Giordania.


 

Share